“La memoria è tesoro e custode di tutte le cose.” – Marco Tullio Cicerone

Se non possiedi dimestichezza con l’industria di traduzione, probabilmente confonderai il significato di memoria di traduzione e glossario. Al contrario, chi conosce l’industria comprende come questi strumenti, se utilizzati, aiutino considerevolmente ad incrementare l’efficienza, a risparmiare tempo e ad aumentare la soddisfazione dei clienti. Pertanto, è utile spiegare cosa distingue una memoria di traduzione da un glossario di traduzione.

Che cos’è la memoria di traduzione?

Una memoria di traduzione (TM) è un database che memorizza “segmenti”, che possono essere frasi, paragrafi o unità simili a frasi (intestazioni, titoli o elementi in un elenco) che sono stati tradotti precedentemente. Si tratta di uno strumento utile per le traduzioni. La memoria di traduzione memorizza il testo sorgente e la sua traduzione corrispondente in coppie di lingue, denominate “unità di traduzione”. I softwares che utilizzano memorie di traduzioni sono talvolta noti come manager di memoria di traduzione (TMM) o sistemi di memoria di traduzione. Alcune ricerche dimostrano come la maggioranza delle agenzie di traduzione utilizzi sistemi di memoria di traduzione. Tramite un sondaggio di professionisti linguistici, l’82.5% delle 874 risposte ha confermato l’uso di una TM.

Che cos’è il glossario di traduzione?

Se una memoria di traduzione memorizza segmenti di testo, un glossario è un indice della terminologia specifica che si trova in un documento tradotto. In settori altamente tecnici, come quello medico o quello dell’industria legale, un glossario aiuta a promuovere uniformità e consistenza del testo.

Le traduzioni e definizioni della lingua sorgente e di destinazione verranno fornite in un glossario, insieme al contesto in cui queste parole dovrebbero essere usate. Un glossario viene creato in collaborazione tra un LSP ed il cliente, con parole che possono avere più di un significato ma che necessitano di essere espresse in modo coerente in tutto il progetto. In aggiunta a termini tecnici, un glossario può includere anche nomi, marchi registrati ed acronimi.

Riassumendo: una memoria di traduzione memorizza segmenti di testo per evitare ripetizioni, mentre un glossario memorizza i singoli termini.

Come funziona?

Trattandosi di una funzione sofisticata, una TM può essere spiegata nel seguente modo: si apre il file sorgente, a cui si applica la memoria di traduzione; in questo modo, qualunque “concordanza al 100%” (concordanza identiche) o “concordanza parziale” (concordanze simili, ma non identiche) presente nel testo viene immediatamente estratta ed inserita nel file di destinazione.

Mentre si lavora al testo sorgente, le “concordanze” suggerite dalla memoria di traduzione possono essere accettate o sostituite con nuove alternative. Se si aggiorna manualmente un’unità di traduzione, questa verrà archiviata nella memoria di traduzione per un uso futuro, ed anche per la ripetizione nel testo corrente. In modo simile, tutti i segmenti nel file di destinazione senza una “concordanza” vengono tradotti manualmente e successivamente aggiunti alla memoria di traduzione.

Benefici principali

I manager di memoria di traduzione si adattano principalmente alla traduzione di documentazione tecnica e documenti che contengono termini altamente specializzati. I loro benefici includono:

• assicurarsi che il documento sia completamente tradotto (le memorie di traduzione non accettano segmenti di destinazione vuoti).

• assicurarsi che i documenti tradotti siano coerenti, includendo definizioni comuni, frasari e terminologia. Ciò risulta importante quando più traduttori lavorano allo stesso progetto.

• consentire ai traduttori di tradurre documenti in un’ampia varietà di formati, senza dover possedere il software tipicamente richiesto per elaborare tali formati.

• accelerare il processo di traduzione; siccome le memorie di traduzione “ricordano” il materiale tradotto precedentemente, i traduttori dovranno tradurlo una volta sola.

• ridurre i costi di traduzione di progetti a lungo termine; per esempio, il testo di manuali, messaggi di avvertimento o serie di documenti deve essere tradotto una volta sola, e può essere utilizzato diverse volte.

• per grandi progetti di documentazione, i risparmi (di tempo o denaro) grazie all’utilizzo di un pacchetto TM possono essere evidenti anche per la prima traduzione di un nuovo progetto ma, normalmente, tali risparmi risultano evidenti quando si traducono le versioni successive di un progetto che era stato tradotto prima di utilizzare la memoria di traduzione.

Senza l’utilizzo di una memoria di traduzione che riutilizzi un contenuto ripetuto, si tradurranno le solite frasi ripetutamente. Ciò può rallentare il progetto, ed anche ridurre la qualità del lavoro, e di conseguenza portare ad un’insoddisfazione del cliente.

Polilingua utilizza entrambi come valore aggiunto per il cliente.  Puoi saperne di più sui servizi e capacità di Polilingua qui.

Tradotto da:   Elia Gasparini 

[email protected]